top of page

Detersivo piatti solido: vantaggi e ricetta per farlo in casa!

Aggiornamento: 15 nov 2023

Se in casa ti capita di lavare i piatti a mano, hai probabilmente l'abitudine di usare un detersivo piatti liquido: dal colore brillante, ti assicura tantissima schiuma. E se ti dicessi che esiste un'alternativa altrettanto efficace, zero rifiuti, rispettosa dell'ambiente e che puoi farla tu, in casa? Sto parlando del detersivo piatti solido! Oggi ti racconto le sue virtù e condivido con te una ricetta super efficace che uso ormai da tanti anni.


Foto di uno dei miei detersivi piatti solido. ©Ecodalia2023

Perché usare il detersivo solido per piatti?

Le ragioni che mi hanno spinta a passare al detersivo solido per i piatti sono fondamentalmente ecologiche. Cercavo una soluzione zero rifiuti per lavare i piatti ed ecco che, leggendo il blog di autoproduco.it, ho scoperto il detersivo solido.

Avevo appena iniziato a realizzare i miei primi saponi (con il metodo della saponificazione a freddo) e così mi sono detta: perché non provare a realizzare anche il detersivo?


Ecco le ragioni per le quali io ti consiglio di utilizzare un detersivo solido per i piatti (acquistato o fatto in casa):

  1. La riduzione dei rifiuti: meno flaconi in giro = meno rifiuti futuri!

  2. La giusta quantità di schiuma: i detersivi liquidi (soprattutto quelli della grande distribuzione) producono un'enorme (esagerata) quantità di schiuma. Il detersivo solido produce la giusta quantità di schiuma, così da risparmiare acqua al momento del risciacquo.

  3. La durata: una sapone solido dura molto di più di un detersivo liquido (e questo vale per tutti i detergenti e cosmetici!).

  4. La genuinità e trasparenza: quello che amo nei detergenti solidi è che nella loro composizione c'è solo l'indispensabile. Niente additivi tossici ed inquinanti. Se poi sei proprio tu a realizzare il tuo detersivo piatti, allora avrai il controllo totale degli ingredienti che utilizzi.


Detersivo piatti solido: la ricetta

La ricetta che ti propongo oggi è molto semplice e rapida da fare! Come per il sapone di Marsiglia autoprodotto, anche in questo caso avremo bisogno di utilizzare la soda caustica per realizzare il processo di saponificazione a freddo.


Prima di guardare questo video, vi consiglio di dare un’occhiata a quello del Sapone di Marsiglia, nel quale spiego in modo più approfondito il processo si saponificazione.


Questa ricetta è tratta dal blog autoproduco.it e dal libro di Elisa Nicoli "Pulizie creative".



INGREDIENTI (800g di detersivo circa)

  • 350gr di Olio di oliva (vergine, extravergine, come preferite)

  • 150gr di Olio di Cocco (sceglilo biologico e da commercio equo e solidale, riducendo in questo modo la responsabilità ambientale e sociale dovuta alla produzione di quest’olio)

  • 10gr acido citrico

  • 6g + 78gr soda caustica (eccesso di soda del 5%) – pesali separatamente (nel video mostro come creare il "sequestrante" con l'acido citrico e i 6g di soda)

  • 150gr di acqua demineralizzata

  • 1 cucchiaio di caffè in polvere

  • 15ml di olio essenziale di limone (opzionale) + 1 cucchiaio di amido di mais (opzionale - per fissare la profumazione dell’olio essenziale)


STRUMENTI

Per la nostra sicurezza (durante il procedimento, soprattutto durante la manipolazione della soda), è necessario dotarci di:

  • Guanti di gomma

  • Mascherina per gli occhi (ideali da lavoro, che proteggano bene gli occhi)

  • Mascherina per naso e bocca. Questi sono necessari per proteggerci perché la soda reagisce molto in fretta con i liquidi e la stessa umidità dell’aria. Cerca di svolgere il procedimento in una stanza dotata di finestre, in modo da far circolare l’aria. Ti consiglio inoltre di vestirti con abiti coprenti: maniche lunghe, pantaloni lunghi, ciabatte/scarpe. Per evitare di bruciarsi in caso di schizzi imprevisti!

  • 1 caraffa in Pyrex

  • 1 pentola in acciaio Inox (con i bordi alti)

  • 1 cucchiaio di legno (che poi adibirai esclusivamente alla produzione del sapone)

  • 1 tazza

  • 1 bilancia elettronica

  • 1 frullatore ad immersione

  • 1 Stampo in silicone

  • Carta da forno

  • Coperta in pile/lana

  • Carta da giornale (se hai bisogno di proteggere il piano da lavoro)

  • Grembiule


Per il procedimento completo, ti lascio guardare il video.


Una volta versato nello stampo, copri il tutto con della carta da forno (che potrai riutilizzare per i prossimi saponi), e avvolgere nelle coperte. Lasciar riposare almeno 24 ore prima di togliere dallo stampo (in modo che si solidifichi bene). Passate le 24 ore, si può tagliare la forma.


È necessario lasciar stagionare il nostro sapone almeno 1 mese prima di poterlo usare.

Mantenerlo avvolto nella carta da forno, lasciar riposare in un logo secco, arieggiato e non colpito dalla luce diretta.


Come usare il detersivo piatti solido?

L'uso cambia un po': siamo abituati a lavare i piatti con un detersivo liquido, quindi inevitabilmente il passaggio ad un sapone solido sconvolge un po' le nostre abitudini. Ma presto ci prenderai la mano, promesso ;)


Per utilizzarlo, niente di più facile:


  1. Bagna la spugna o il sapone con acqua calda,

  2. Strofina la spugna sul sapone,

  3. Lava i piatti come al solito!

Una volta terminato il lavaggio dei piatti, metti il sapone sul portasapone e fai in modo che si asciughi completamente (per evitare che si squagli).

 

Spero che questa ricetta ti sia piaciuta! Non esitare a provarla a casa e fammi sapere nei commenti come ti viene!


Ancora una volta, ringrazio Elisa Nicoli e il Laboratorio di autoproduzione per aver condiviso con noi questa fantastica ricetta 🙏

342 visualizzazioni

Post correlati

Mostra tutti

Comments


Francesca_Ecodalia.jpg

Grazie di leggere
il mio blog!

Qualcosa non ti é chiaro in questo post? Oppure hai altre curiosità sul tema? Lascia un commento, ti risponderò al più presto!

Vuoi ricevere consigli sull'autoproduzione, aggiornamenti esclusivi e tante sorprese a tema DIY?

  • Instagram
  • Facebook
  • Pinterest
bottom of page